Info e Prenotazioni

Arriva il nuovo trattamento a luce pulsata per occhio secco

HAI QUALCUNO DI QUESTI SINTOMI?

  • secchezza oculare
  • disagio e irritazione
  • lacrimazione eccessiva
  • arrossamento
  • secrezione
  • affaticamento
  • bruciore o dolore
  • prurito
  • fotofobia (elevata sensibilità alla luce)
  • formicolio o sensazione di corpo estraneo

…POTRESTI AVERE L’OCCHIO SECCO.

Trattamento luce pulsata per occhio secco

Risolvi il problema con il trattamento innovativo oggi disponibile denominato IRPL (Intense Regulated Pulsed Light).

Dispositivo E Eye per luce pulsata occhio secco

Il trattamento a luce pulsata per occhio secco è una cura innovativa, una procedura non invasiva che utilizza un dispositivo progettato per ripristinare una corretta funzione del film lacrimale, mediante appunto un’intensa luce pulsata.

  • Il trattamento dura pochi minuti e non causa alcun disagio per il paziente. È indolore e completamente innocuo per il bulbo oculare.
  • È consigliabile un ciclo di 3 sedute, effettuate nell’arco di 2 mesi (giorno 0/15/45; una quarta seduta è opzionale).
  • I benefici ottenuti appaiono dopo ogni seduta e verranno mantenuti per un anno circa. In seguito è consigliabile una seduta di mantenimento annuale.

Come funziona il trattamento a luce pulsata per occhio secco?

Il meccanismo di azione è incentrato sul trasferimento di calore: grazie ad esso viene fatto fuoriuscire il meibum, la secrezione prodotta dalle ghiandole di Meibomio.

Il trattamento con luce pulsata per la Sindrome dell’occhio secco agisce sul sistema vascolare che si trova attorno alle ghiandole lacrimali, sedando infiammazione e batteri delle palpebre e della cute perioculare.

Il tutto nel giro di pochi minuti.

Il paziente viene fatto accomodare su un lettino e messo a suo agio. Poi gli viene posta sugli occhi una mascherina protettiva di metallo, assieme a un liquido gelatinoso umettante ed idratante, che viene spalmato sulle palpebre e sulla cute perioculare.

Il focus del trattamento dell’occhio secco con luce pulsata consiste in una serie di flash applicati uno dietro l’altro attorno alla palpebra inferiore. Si parte vicino al naso per poi proseguire verso la tempia.
Grazie a questa avanzata stimolazione, le ghiandole di Meibomio riprendono a funzionare normalmente già dopo poche ore dal trattamento.

Ripetendo la seduta altre 3-4 volte a intervalli precisi si ottengono risultati a lunga durata. Inoltre questo trattamento non causa effetti collaterali e non porta alla formazione di cicatrici.

Puoi richiedere altre informazioni o prenotare una visita inviando una email o telefonando allo 02 8057388.

La Sindrome dell’occhio secco (detta anche semplicemente “occhio secco”) è una patologia che impiega anni a manifestarsi, e che può peggiorare in caso non venga curata, causando blefariti, congiuntiviti ed in casi più gravi ulcere corneali. Colpisce tra il 5 e il 15% della popolazione.

Se vuoi sapere di più su questa malattia degli occhi visita la pagina dedicata alla Sindrome dell’occhio secco.

Organizziamo periodicamente uno screening gratuito
per la valutazione del film lacrimale e di idoneità al nuovo trattamento a luce pulsata per occhio secco.

Presso il Centro Oculistico Quattroelle di Milano.

PER INFORMAZIONI
compilare il form
o telefonare allo 02 8057388.

Domande Frequenti

Viene controllato il fondo dell’occhio?

Si, il fondo dell’occhio viene sempre controllato perché alcuni problemi retinici sono asintomatici (assottigliamento o fori della retina) e diagnosticabili solo dal medico oculista attraverso l’esplorazione del fundus.

Viene sempre misurata la pressione dell’occhio durante la visita?

La pressione intraoculare viene misurata a tutti i pazienti sottoposti a visita oculistica, mediante il tonometro a soffio o il tonometro ad applanazione. (Quest’ultimo utilizzato in pazienti con predisposizione o affetti da glaucoma o in fase di terapie cortisoniche locali).

Può essere pericoloso utilizzare le gocce per la dilatazione della pupilla in caso di gravidanza o allattamento?

In generale i colliri che si utilizzano per dilatare la pupilla sono topici, ma potrebbero entrare in circolo e raggiungere anche il feto. Di solito dopo la 20 esima settimana di gestazione non ci sono rischi per il feto, ma ogni singolo caso viene sempre valutato dall’oculista prima di somministrare qualsiasi tipo di collirio o […]

In cosa consiste la visita oculistica e quanto dura?

La visita prevede una fase preliminare in cui personale specializzato (ortottisti, optometristi) raccoglie dati e informazioni con strumenti dedicati, utili al medico oculista per la valutazione conclusiva. La tempistica della visita completa non è assolutamente programmabile in maniera standardizzata e può durare anche un paio d’ore, soprattutto per valutazioni chirurgiche, ove a seconda della patologia, […]

È importante togliere le lenti a contatto prima della visita?

L’azione delle lenti a contatto può alterare la forma della cornea, variandone i parametri e di conseguenza la refrazione del paziente, in maniera più o meno incisiva a seconda del tipo di lenti (morbide, rigide o semirigide).  In base alla motivazione per cui viene richiesta la visita oculistica viene indicato la sospensione di circa 2-3 […]

È sempre necessaria la dilatazione della pupilla durante la visita?

La dilatazione farmacologica della pupilla serve per controllare in maniera più accurata la parte periferica della retina dell’occhio. Da tenere presente che un esame del fondo dell’occhio senza dilatazione è sempre considerato parziale e non completo. Ad oggi esistono apparecchiature (OPTOS) in grado di fotografare il fondo dell’occhio in maniera accurata e senza dilatare farmacologicamente […]

Quanto dura l’effetto delle gocce per cicloplegia (dilatazione pupilla)?

L’effetto delle gocce ha una durata diversa a seconda del collirio impiegato, della reattività individuale, dell’età e del difetto visivo (da un minimo di 3-4 ore, ad un massimo, in rari casi, di 24-48 ore).

Posso guidare dopo la visita?

La dilatazione farmacologica della pupilla crea disagi come fotofobia e difficoltà nella messa a fuoco degli oggetti sia da lontano che da vicino. Pertanto si consiglia di evitare la guida dopo la visita.

Come scegliere lo specialista?

Nella sessione “equipe medica” trova l’elenco dei nostri oculisti, con il proprio campo di competenza specifica. In ogni caso, una prima visita oculistica generica può essere effettuata da uno qualsiasi dei nostri specialisti; consideri quindi anche la disponibilità, i giorni ed orari di visita a lei più congeniali.

Contattaci