Info e Prenotazioni

Approfondimenti

5 Rimedi per le dermatiti palpebrali

Soffri a causa di queste malattie delle palpebre? Segui 5 rimedi per le dermatiti palpebrali che potranno aiutarti ad alleviare il fastidio. 1. Attenzione alle cause dell’eczema Accanto ai soliti stress e cambi di stagione, la principale causa scatenante dell’eczema palpebrale è il contatto ripetuto con acqua e detergenti. La pelle delle palpebre, infatti, a differenza […]

Prosegui la lettura >
Blefarite: sintomi, cause e cura

Sintomi della blefarite seborroica Anche le componenti interne, ghiandolari, delle palpebre si infiammano frequentemente, manifestando quadri a carico del bordo vicino alla linea delle ciglia, dove sboccano i dotti escretori (Figura 2c). Sono le blefariti (dal greco Bléfaron, palpebra e -ite, desinenza convenzionale che in medicina indica un processo infiammatorio). Il margine palpebrale si arrossa, […]

Prosegui la lettura >
Dacrioliti: cosa sono e cura

Cosa sono i dacrioliti? I dacrioliti sono concrezioni calcaree bianco-giallastre ben visibili sul versante interno (congiuntivale) delle palpebre, esito calcificato di ostruzione dei dotti ghiandolari. Duri e spigolosi, sono in genere asintomatici, anche se negli anziani con scarsa lacrimazione possono abradere la cornea e provocare i sintomi dell’irritazione congiuntivale cronica. Cura per i dacrioliti I dacrioliti si […]

Prosegui la lettura >
Orzaiolo: cos’è e come si cura

Cos’è l’orzaiolo? L’orzaiolo (Figura 6) si presenta senza regole, sviluppandosi a partenza di una terminazione ghiandolare che si infetta, in genere ad opera di batteri abituali residenti delle regioni nasali e perioculari (gli stafilococchi) che da lì si trasferiscono grazie allo strofinamento. Come si cura l’orzaiolo? In genere, si risolve spontaneamente in pochi giorni, aprendosi con […]

Prosegui la lettura >
Calazio: cos’è, rimedi e rimozione

Cos’è il calazio? Il calazio (Figura 5) è un nodulo infiammatorio che si forma nello spessore delle palpebre, sia inferiori che superiori, in seguito all’occlusione del dotto escretore delle ghiandole grasse (dette di Meibomio) deputate alla produzione della componente lipidica del film lacrimale. Pur non essendo causato da un’infezione, l’infiammazione generata predispone a un’infezione secondaria che si […]

Prosegui la lettura >
Cross-linking

Il cross linking è una terapia parachirurgica impiegata nelle fasi iniziali del cheratocono per rallentare la progressione della malattia e delle ectasie corneali. Ha la funzione di stimolare la formazione di legami incrociati tra le fibre di collagene che compongono la cornea, rendendola più resistente e meno deformabile. Le Fasi dell’intervento L’operazione di cross-linking, eseguito […]

Prosegui la lettura >
Endoscopia lacrimale per l’ostruzione delle vie lacrimali

Endoscopia lacrimale. Cos’è, come diagnosticarla e curarla. Al Centro Quattroelle di Milano si esegue l’endoscopia lacrimale, che permette di diagnosticare e talvolta anche di correggere le cause che portano all’ostruzione delle vie lacrimali.

Prosegui la lettura >
Maculopatia, l’importanza della genetica in oculistica

La degenerazione maculare legata all’età (DMLE) è una patologia complessa dai notevoli risvolti sociali. Al momento rappresenta la principale causa di grave diminuzione della vista dopo i 50 anni, superando diabete e cataratta nei paesi industrializzati, ed in Italia si stima che vi siano circa 5 milioni di persone affette da questa patologia. Da un […]

Prosegui la lettura >
Approfondimento sull’occhio secco

La Dott.ssa Federica Ferrario, del Centro Oculistico Quattroelle, ci spiega come funziona La sindrome da Disfunzione Lacrimale, detta anche “occhio secco”, è una patologia che impiega anni a manifestarsi e che può peggiorare in caso non venga curata, causando blefariti, congiuntiviti ed in casi più gravi ulcere corneali. Federica Ferrario, che dal 2008 è medico […]

Prosegui la lettura >
Ortocheratologia per correggere e bloccare l’evoluzione della miopia nei giovani e per ridurre difetti refrattivi come l’ipermetropia e l’astigmatismo

Il Centro Oculistico Quattroelle di Milano è stato tra i primi ad usare questa tecnica innovativa che prevede l’uso di lenti a contatto notturne L’ortocheratologia (Ortho-K) è una tecnica di compensazione temporanea e reversibile di un difetto visivo (miopia principalmente ed in alcuni casi ipermetropia e astigmatismo) mediante l’applicazione programmata di speciali lenti a contatto […]

Prosegui la lettura >

Convenzioni

I nostri centri sono convenzionati con ASSICURAZIONI, FONDI INTEGRATIVI e FONDI SANITARI AZIENDALI. Si consiglia agli assistiti di verificare preventivamente termini e condizioni della propria posizione assicurativa.

Scopri

Finanziamenti

Con il servizio PAGODIL, possibilità di pagamenti dilazionati, senza interessi ed alcun costo aggiuntivo. Chiama per informazioni​.

Scopri

Domande Frequenti

È importante togliere le lenti a contatto prima della visita?

L’azione delle lenti a contatto può alterare la forma della cornea, variandone i parametri e di conseguenza la refrazione del paziente, in maniera più o meno incisiva a seconda del tipo di lenti (morbide, rigide o semirigide).  In base alla motivazione per cui viene richiesta la visita oculistica viene indicato la sospensione di circa 2-3 […]

Viene controllato il fondo dell’occhio?

Si, il fondo dell’occhio viene sempre controllato perché alcuni problemi retinici sono asintomatici (assottigliamento o fori della retina) e diagnosticabili solo dal medico oculista attraverso l’esplorazione del fundus.

Quali sono le differenze tra il centro di Milano e quello di Nizza Monferrato?

I nostri Centri dispongono egualmente di strumentazione all’avanguardia. L’ambulatorio di Milano è attivo dal lunedì al venerdì; quello di Nizza Monferrato il sabato. La chirurgia viene effettuata unicamente nella sede di Milano.

A che età è utile fare la prima visita ai bambini?

L’età giusta è tra i 3 e i 4 anni. Oggi abbiamo a disposizione strumenti in grado di rilevare difetti di refrazione in modo oggettivo, anche prima dell’età scolare, quando il bimbo sarà in grado di collaborare e dare risposte soggettive utili a identificare la giusta refrazione. Se i genitori, o i famigliari stretti del […]

È sempre necessaria la dilatazione della pupilla durante la visita?

La dilatazione farmacologica della pupilla serve per controllare in maniera più accurata la parte periferica della retina dell’occhio. Da tenere presente che un esame del fondo dell’occhio senza dilatazione è sempre considerato parziale e non completo. Ad oggi esistono apparecchiature (OPTOS) in grado di fotografare il fondo dell’occhio in maniera accurata e senza dilatare farmacologicamente […]

Viene sempre misurata la pressione dell’occhio durante la visita?

La pressione intraoculare viene misurata a tutti i pazienti sottoposti a visita oculistica, mediante il tonometro a soffio o il tonometro ad applanazione. (Quest’ultimo utilizzato in pazienti con predisposizione o affetti da glaucoma o in fase di terapie cortisoniche locali).

In cosa consiste la visita oculistica e quanto dura?

La visita prevede una fase preliminare in cui personale specializzato (ortottisti, optometristi) raccoglie dati e informazioni con strumenti dedicati, utili al medico oculista per la valutazione conclusiva. La tempistica della visita completa non è assolutamente programmabile in maniera standardizzata e può durare anche un paio d’ore, soprattutto per valutazioni chirurgiche, ove a seconda della patologia, […]

Quanto dura l’effetto delle gocce per cicloplegia (dilatazione pupilla)?

L’effetto delle gocce ha una durata diversa a seconda del collirio impiegato, della reattività individuale, dell’età e del difetto visivo (da un minimo di 3-4 ore, ad un massimo, in rari casi, di 24-48 ore).

Posso guidare dopo la visita?

La dilatazione farmacologica della pupilla crea disagi come fotofobia e difficoltà nella messa a fuoco degli oggetti sia da lontano che da vicino. Pertanto si consiglia di evitare la guida dopo la visita.

Contattaci