Info e Prenotazioni

Approfondimenti

Degenerazione di Salzmann

Cos’è la Degenerazione di Salzmann? La distrofia nodulare di Salzmann, più che una distrofia vera e propria, viene ritenuta una degenerazione della cornea, caratterizzata da un accumulo di noduli bianco-azzurrognoli superficiali della media periferia corneale (Figura 11). A livello cellulare, si tratta di accumuli di materiale ialino, prevalentemente collagene addensato, a carico degli strati superficiali, […]

Prosegui la lettura

Distrofie epiteliali

Cosa sono le Distrofie epiteliali? Quante sono? Distrofia della membrana basale epiteliale Anche detta distrofia microcistica, di Cogan o map dot fingerprint è di gran lunga la più comune della distrofie corneali. Nonostante qualche report di ereditarietà autosomica dominante (gene TGFBI/BIGH3), la distrofia di Cogan non è su base famigliare, è rarissima in età evolutiva […]

Prosegui la lettura

Distrofie stromali

Cosa sono le Distrofie stromali? Quanti tipi ne esistono? La Distrofia reticolare Tra le distrofie stromali, la reticolare (amiloidosi corneale, tipo lattice, LCD) è una delle più comuni. A trasmissione autosomica dominante, l’anomalia consiste nella deposizione di amiloide nello stroma corneale e negli spazi subepiteliali, configurando il quadro di piccoli accumuli sferoidali, macchioline biancastre unite […]

Prosegui la lettura

Distrofia Maculare

Cos’è la Distrofia Maculare? Anche detta tipo II di Groenouw, di Fehr o spottiforme, si tratta della distrofia stromale meno comune ma più “cattiva”, in cui l’errore congenito di sintesi del cheratansolfato sembra essere sistemico, dato che non solo nelle cornee espiantate e poi analizzate immunoistochimicamente, ma anche nel sangue circolante i valori di tale […]

Prosegui la lettura

La cellulite orbitale

Cos’è la cellulite orbitale La cellulite orbitale è un’infezione importante a carico degli annessi oculari, palpebre e tessuti molli dell’orbita e della regione attorno all’occhio (Figura 10a). Sintomi della cellulite orbitale I sintomi della cellulite orbitale in genere sono: esoftalmo (occhio spinto in avanti o di lato) difficoltà e dolore ai movimenti oculari edema rosso […]

Prosegui la lettura

Le ulcere corneali

Cosa sono le ulcere corneali? Per ulcera s’intende una qualsiasi perdita di sostanza. Nel caso delle ulcere corneali, il caso più comune consegue a lesioni traumatiche del rivestimento epiteliale (ad esempio l’abrasione da unghiata dei lattanti alla mamma). Sintomi delle ulcere corneali I tipici sintomi delle ulcere corneali sono: dolore acuto, che si accentua ai movimenti […]

Prosegui la lettura

Le cheratiti erpetiche

Cosa sono le cheratiti erpetiche? L’herpes simplex (HSV) è il virus che più comunemente rompe le scatole agli esseri umani. Si trasmette con i fluidi corporei, di solito la saliva, e colpisce la pelle e le mucose, infettando di solito i bambini tra i 6 mesi e i 5 anni con il tipico rash di piccole vescicole […]

Prosegui la lettura

Le congiuntiviti allergiche

Cosa sono le congiuntiviti allergiche L’allergia è una reazione di difesa esagerata del nostro organismo a sostanze considerate estranee e pericolose. Le manifestazioni allergiche che coinvolgono la congiuntiva si presentano con due modalità. La più comune, in genere poco problematica, si associa al raffreddore da fieno (rinocongiuntivite allergica); colpisce in genere bambini grandetti in forma […]

Prosegui la lettura

La congiuntivite infettiva, virale e batterica: sintomi e cura

Cause della congiuntivite infettiva La forma virale di congiuntivite, il più delle volte causata dall’adenovirus, si presenta inizialmente in un occhio solo, in genere nei ragazzi già grandetti (8-10 anni). Sintomi della congiuntivite virale I principali sintomi della congiuntivite infettiva: secrezione di tipo siero-acquoso palpebre arrossate e gonfie presenza di emorragie congiuntivali “a capocchia di […]

Prosegui la lettura

PRK per astigmatismo, miopia e ipermertropia

La PRK (Photo Refractive Keratectomy) è un altro tipo di operazione laser per astigmatismo, miopia e ipermetropia molto eseguito in tutto il mondo. Proprio come per la LASIK viene usato un laser ad eccimeri, ma per la rimozione dell’epitelio viene impiegata un’altra procedura. La parte di epitelio della cornea viene rimossa dal chirurgo con una […]

Prosegui la lettura

Convenzioni

I nostri centri sono convenzionati con ASSICURAZIONI, FONDI INTEGRATIVI e FONDI SANITARI AZIENDALI. Si consiglia agli assistiti di verificare preventivamente termini e condizioni della propria posizione assicurativa.

Scopri

Finanziamenti

Con il servizio PAGODIL, possibilità di pagamenti dilazionati, senza interessi ed alcun costo aggiuntivo. Chiama per informazioni​.

Scopri

Richiedi maggiori informazioni
Compila il form, chiama il numero 02.8057388
o scrivici su WhatsApp 329.4067810

Domande Frequenti

Quali sono le differenze tra il centro di Milano e quello di Nizza Monferrato?

I nostri Centri dispongono egualmente di strumentazione all’avanguardia. L’ambulatorio di Milano è attivo dal lunedì al venerdì; quello di Nizza Monferrato il sabato. La chirurgia viene effettuata unicamente nella sede di Milano.

Quanto dura l’effetto delle gocce per cicloplegia (dilatazione pupilla)?

L’effetto delle gocce ha una durata diversa a seconda del collirio impiegato, della reattività individuale, dell’età e del difetto visivo (da un minimo di 3-4 ore, ad un massimo, in rari casi, di 24-48 ore).

Come scegliere lo specialista?

Nella sessione “equipe medica” trova l’elenco dei nostri oculisti, con il proprio campo di competenza specifica. In ogni caso, una prima visita oculistica generica può essere effettuata da uno qualsiasi dei nostri specialisti; consideri quindi anche la disponibilità, i giorni ed orari di visita a lei più congeniali.

Può essere pericoloso utilizzare le gocce per la dilatazione della pupilla in caso di gravidanza o allattamento?

In generale i colliri che si utilizzano per dilatare la pupilla sono topici, ma potrebbero entrare in circolo e raggiungere anche il feto. Di solito dopo la 20 esima settimana di gestazione non ci sono rischi per il feto, ma ogni singolo caso viene sempre valutato dall’oculista prima di somministrare qualsiasi tipo di collirio o […]

È importante togliere le lenti a contatto prima della visita?

L’azione delle lenti a contatto può alterare la forma della cornea, variandone i parametri e di conseguenza la refrazione del paziente, in maniera più o meno incisiva a seconda del tipo di lenti (morbide, rigide o semirigide).  In base alla motivazione per cui viene richiesta la visita oculistica viene indicato la sospensione di circa 2-3 […]

Viene controllato il fondo dell’occhio?

Si, il fondo dell’occhio viene sempre controllato perché alcuni problemi retinici sono asintomatici (assottigliamento o fori della retina) e diagnosticabili solo dal medico oculista attraverso l’esplorazione del fundus.

Viene sempre misurata la pressione dell’occhio durante la visita?

La pressione intraoculare viene misurata a tutti i pazienti sottoposti a visita oculistica, mediante il tonometro a soffio o il tonometro ad applanazione. (Quest’ultimo utilizzato in pazienti con predisposizione o affetti da glaucoma o in fase di terapie cortisoniche locali).

A che età è utile fare la prima visita ai bambini?

L’età giusta è tra i 3 e i 4 anni. Oggi abbiamo a disposizione strumenti in grado di rilevare difetti di refrazione in modo oggettivo, anche prima dell’età scolare, quando il bimbo sarà in grado di collaborare e dare risposte soggettive utili a identificare la giusta refrazione. Se i genitori, o i famigliari stretti del […]

In cosa consiste la visita oculistica e quanto dura?

La visita prevede una fase preliminare in cui personale specializzato (ortottisti, optometristi) raccoglie dati e informazioni con strumenti dedicati, utili al medico oculista per la valutazione conclusiva. La tempistica della visita completa non è assolutamente programmabile in maniera standardizzata e può durare anche un paio d’ore, soprattutto per valutazioni chirurgiche, ove a seconda della patologia, […]