Info e Prenotazioni

Approfondimenti

PRK per astigmatismo, miopia e ipermertropia

La PRK (Photo Refractive Keratectomy) è un altro tipo di operazione laser per astigmatismo, miopia e ipermetropia molto eseguito in tutto il mondo. Proprio come per la LASIK viene usato un laser ad eccimeri, ma per la rimozione dell’epitelio viene impiegata un’altra procedura. La parte di epitelio della cornea viene rimossa dal chirurgo con una […]

Prosegui la lettura

Inserimento lente intraoculare IOL fachica

Ossia senza estrazione di cristallino, dal greco facos: lenticchia. L’inserimento di una lente intraoculare è indicata nei casi in cui la chirurgia corneale non è praticabile con risultati soddisfacenti oppure è considerata rischiosa per la presenza di peculiarità anatomiche o di patologie corneali in atto o sospette. Le caratteristiche della lente (diametro e potere) sono […]

Prosegui la lettura

Sostituzione del cristallino con lente IOL fachica

Facoemulsificazione con impianto di IOL La sostituzione del cristallino è una tecnica sicura e semplice per l’intervento di cataratta e la correzione di altri difetti visivi, praticata di routine. Nella stragrande maggioranza dei casi risolve brillantemente il problema refrattivo e consente di risolvere anche i difetti visivi collegati all’opacità del cristallino. Inoltre con l’introduzione della […]

Prosegui la lettura

LASIK per la correzione di astigmatismo, miopia e ipermetropia

La LASIK (LASer-assisted In situ Keratomileusis) è uno degli interventi laser per astigmatismo, miopia e ipermetropia più apprezzati, per quanto riguarda la chirurgia rifrattiva. Quali sono i vantaggi dell’intervento LASIK? I vantaggi della LASIK sono molteplici: è indolore permette di recuperare molto rapidamente la qualità visiva, già dal giorno successivo non necessita di punti di […]

Prosegui la lettura

5 Rimedi per le dermatiti palpebrali

Soffri a causa di queste malattie delle palpebre? Segui 5 rimedi per le dermatiti palpebrali che potranno aiutarti ad alleviare il fastidio. 1. Attenzione alle cause dell’eczema Accanto ai soliti stress e cambi di stagione, la principale causa scatenante dell’eczema palpebrale è il contatto ripetuto con acqua e detergenti. La pelle delle palpebre, infatti, a differenza […]

Prosegui la lettura

Blefarite: sintomi, cause e cura

Sintomi della blefarite seborroica Anche le componenti interne, ghiandolari, delle palpebre si infiammano frequentemente, manifestando quadri a carico del bordo vicino alla linea delle ciglia, dove sboccano i dotti escretori (Figura 2c). Sono le blefariti (dal greco Bléfaron, palpebra e -ite, desinenza convenzionale che in medicina indica un processo infiammatorio). Il margine palpebrale si arrossa, […]

Prosegui la lettura

Dacrioliti: cosa sono e cura

Cosa sono i dacrioliti? I dacrioliti sono concrezioni calcaree bianco-giallastre ben visibili sul versante interno (congiuntivale) delle palpebre, esito calcificato di ostruzione dei dotti ghiandolari. Duri e spigolosi, sono in genere asintomatici, anche se negli anziani con scarsa lacrimazione possono abradere la cornea e provocare i sintomi dell’irritazione congiuntivale cronica. Cura per i dacrioliti I dacrioliti si […]

Prosegui la lettura

Orzaiolo: cos’è e come si cura

Cos’è l’orzaiolo? L’orzaiolo (Figura 6) si presenta senza regole, sviluppandosi a partenza di una terminazione ghiandolare che si infetta, in genere ad opera di batteri abituali residenti delle regioni nasali e perioculari (gli stafilococchi) che da lì si trasferiscono grazie allo strofinamento. Come si cura l’orzaiolo? In genere, si risolve spontaneamente in pochi giorni, aprendosi con […]

Prosegui la lettura

Calazio: cos’è, rimedi e rimozione

Cos’è il calazio? Il calazio (Figura 5) è un nodulo infiammatorio che si forma nello spessore delle palpebre, sia inferiori che superiori, in seguito all’occlusione del dotto escretore delle ghiandole grasse (dette di Meibomio) deputate alla produzione della componente lipidica del film lacrimale. Pur non essendo causato da un’infezione, l’infiammazione generata predispone a un’infezione secondaria che si […]

Prosegui la lettura

Cross-linking

Il cross linking è una terapia parachirurgica impiegata nelle fasi iniziali del cheratocono per rallentare la progressione della malattia e delle ectasie corneali. Ha la funzione di stimolare la formazione di legami incrociati tra le fibre di collagene che compongono la cornea, rendendola più resistente e meno deformabile. Le Fasi dell’intervento L’operazione di cross-linking, eseguito […]

Prosegui la lettura

Convenzioni

I nostri centri sono convenzionati con ASSICURAZIONI, FONDI INTEGRATIVI e FONDI SANITARI AZIENDALI. Si consiglia agli assistiti di verificare preventivamente termini e condizioni della propria posizione assicurativa.

Scopri

Finanziamenti

Con il servizio PAGODIL, possibilità di pagamenti dilazionati, senza interessi ed alcun costo aggiuntivo. Chiama per informazioni​.

Scopri

Richiedi maggiori informazioni
Compila il form o chiama il numero 02.8057388

Domande Frequenti

Viene sempre misurata la pressione dell’occhio durante la visita?

La pressione intraoculare viene misurata a tutti i pazienti sottoposti a visita oculistica, mediante il tonometro a soffio o il tonometro ad applanazione. (Quest’ultimo utilizzato in pazienti con predisposizione o affetti da glaucoma o in fase di terapie cortisoniche locali).

In cosa consiste la visita oculistica e quanto dura?

La visita prevede una fase preliminare in cui personale specializzato (ortottisti, optometristi) raccoglie dati e informazioni con strumenti dedicati, utili al medico oculista per la valutazione conclusiva. La tempistica della visita completa non è assolutamente programmabile in maniera standardizzata e può durare anche un paio d’ore, soprattutto per valutazioni chirurgiche, ove a seconda della patologia, […]

Quanto dura l’effetto delle gocce per cicloplegia (dilatazione pupilla)?

L’effetto delle gocce ha una durata diversa a seconda del collirio impiegato, della reattività individuale, dell’età e del difetto visivo (da un minimo di 3-4 ore, ad un massimo, in rari casi, di 24-48 ore).

È sempre necessaria la dilatazione della pupilla durante la visita?

La dilatazione farmacologica della pupilla serve per controllare in maniera più accurata la parte periferica della retina dell’occhio. Da tenere presente che un esame del fondo dell’occhio senza dilatazione è sempre considerato parziale e non completo. Ad oggi esistono apparecchiature (OPTOS) in grado di fotografare il fondo dell’occhio in maniera accurata e senza dilatare farmacologicamente […]

È importante togliere le lenti a contatto prima della visita?

L’azione delle lenti a contatto può alterare la forma della cornea, variandone i parametri e di conseguenza la refrazione del paziente, in maniera più o meno incisiva a seconda del tipo di lenti (morbide, rigide o semirigide).  In base alla motivazione per cui viene richiesta la visita oculistica viene indicato la sospensione di circa 2-3 […]

Quali sono le differenze tra il centro di Milano e quello di Nizza Monferrato?

I nostri Centri dispongono egualmente di strumentazione all’avanguardia. L’ambulatorio di Milano è attivo dal lunedì al venerdì; quello di Nizza Monferrato il sabato. La chirurgia viene effettuata unicamente nella sede di Milano.

Come scegliere lo specialista?

Nella sessione “equipe medica” trova l’elenco dei nostri oculisti, con il proprio campo di competenza specifica. In ogni caso, una prima visita oculistica generica può essere effettuata da uno qualsiasi dei nostri specialisti; consideri quindi anche la disponibilità, i giorni ed orari di visita a lei più congeniali.

A che età è utile fare la prima visita ai bambini?

L’età giusta è tra i 3 e i 4 anni. Oggi abbiamo a disposizione strumenti in grado di rilevare difetti di refrazione in modo oggettivo, anche prima dell’età scolare, quando il bimbo sarà in grado di collaborare e dare risposte soggettive utili a identificare la giusta refrazione. Se i genitori, o i famigliari stretti del […]

Viene controllato il fondo dell’occhio?

Si, il fondo dell’occhio viene sempre controllato perché alcuni problemi retinici sono asintomatici (assottigliamento o fori della retina) e diagnosticabili solo dal medico oculista attraverso l’esplorazione del fundus.